MENTANA ad ALTRASTAMPA!

0
67

MENTANA ad ALTRASTAMPA!

lettera ad Enrico

del Direttore (24.02.2009)

Una bufala…
la classica “bufala”di quelle che son famose nel campo giornalistico?
Mah… non sappiamo!
– Ma… è arrivata un’agenzia?
– Boh! E chi lo sa…
… però, una cosa è certa: che la notizia… gira… gira…
Bufala sì… bufala no…
… ebbene, scusate, ma….
in fondo…. che c’è di male se…
facciamo Carnevale…  anche nella redazione di Altrastampa?!…
E non si dice, poi, che… a Carnevale ogni scherzo vale?
Ebbene… e dai!!!
– Ma… allora… è uno scherzooo!!!…
– Attenzione… potrebbe essere anche verità!…
E voi… che ne direste… eh?
Intanto… carta, penna e…
…scriviamo!

Caro Enrico,
vogliamo stare fuori dalle polemiche, anche perché tu sei un Uomo che le rifugge.
E in questo ti ammiriamo e ti seguiamo!
Lungi da noi, quindi, scendere in basso e dire chi ha torto e chi ragione, né, tantomeno, rivangare il fatto.
Ci teniamo soltanto a dire, però, che stiamo dalla tua parte e, stando dalla tua parte… scegliamo quella del “vincitore”di questa… chiamiamola, tenzone.

Vedi, Enrico, noi siamo degli sporchi opportunisti, in quanto… non solo ci  schieriamo spudoratamente dalla parte di chi ha vinto e cioè dalla tua parte, ma anche scegliamo il contendente migliore, il Cavaliere migliore, quello, Enrico – su diciamola – quello di più alto ed antico lignaggio: in sintesi… il più Signore!
E tu, Signore, lo sei stato sempre!
Si vede, che ci sei nato.
Non è la prima volta che questo ti succede, ma tu ti sei comportato sempre con il tuo unico, inconfondibile stile: quello della educazione.
E se “sul lavoro” puoi sembrare un “giornalista d’assalto” con il tuo inconfondibile ritmo – ricordi “Mitraglietta? – poi, fuori, sai essere un giornalista… “inglese”.
Non è la prima volta che ti succede, Enrico, dicevamo, nonostante tutti i tuoi meriti che non sono pochi: tra i quali, c’è anche quello del “pioniere” in un certo senso, ricordando qualcosa!…
Ma taluni, molti, anzi, Enrico, hanno la memoria corta!
E che ci vuoi fare?
Da signori quali siamo, diciamo che… il problema, certo, è loro!
E poi… dai… Enrico, che lo sai che noi giornalisti – come dice il Michele Santoro – siamo una categoria di “precari” per eccellenza, perché nessuno, anzi, il posto di nessuno è, nel mondo del lavoro, oggi, più “ballerino”.
Anzi… ricordi… chi altro fu cacciato e pure più volte, nell’arco della sua carriera? Enzo Biagi!…
E pure… mi pare… una volta  Montanelli… noo? Se non… cacciato, mi pare che… se ne andò via sua sponte, prima, e… li fregò!
Insomma, Enrico, dai, hai visto in quale compagnia ti trovi?
E allora… di che ti lamenti!!!
In attesa d’incontrarti presto per stringerti la mano – non per nulla, ma è tanto raro, oggi, ahimé trovare la mano d’un Signore da poter stringere! – ti abbraccio caramente.
Un saluto alla Tua Signora, fiera d’avere cotanto marito, e un bacetto ai bambini.
Ah… dimenticavo!
Caso mai dovessi stufarti a star lì, senza far nulla in attesa di una giusta offerta, puoi sempre venire ad Altrastampa!…
Noi non cacciamo via nessuno e per due motivi: siamo dei veri professionisti e, in quanto tali, sappiamo apprezzare, quando tra i piedi ci casca un giornalista “cavallo di razza” come Te, e poi… -fatto marginale… – siamo educati!

Con stima e affetto, Enrico,
il tuo Alfredo Labate Grimaldi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here