Ciao, Oreste e… Grazie!

Ciao, Oreste e… Grazie!

di Anthony Cormaci (23.02.2009)

… Lionello era nato a Rodi (Grecia), il 18 aprile 1927, ma…  trascorre tutta la sua giovinezza nella città calabra di Reggio.
E, a questa città, rimarrà sempre legato e con amore profondo.
Dotato di acuta intelligenza, é pronto alle battute con arguzia e con intelligente e profondo senso della vita.
Ora… lui esce dalla scena del Teatro e, ancor più della Vita, in punta di piedi, da Signore, diciamo, ma… ne sentiremo la mancanza: la sua assenza, ne siamo sicuri, procurerà nel Teatro, come tra gli Amici, un vero, incolmabile vuoto!
Attore – e di vaglia! –  imitatore, autore, cabarettista, “maestro di vita”, compagno fedele di tanti attori, festeggia i suoi ottanta anni al Bagaglino in mezzo al “cast” di compagni di lavoro, da sempre vicini.
” La scomparsa del maestro Oreste Lionello – dichiara il Sindaco di Reggio Calabria,  Giuseppe Scopelliti –  procura una forte commozione e un profondo cordoglio. Ha sempre amato Reggio ed in molte occasioni ha sempre esternato questo legame per la sua terra in cui é cresciuto e dove ha trascorso la sua giovinezza. Un altro reggino di grande spessore se ne va. Un artista poliedrico come attesta la sua scintillante carriera divisa fra teatro, doppiaggio, cinema e cabaret, che ha sempre dato lustro allo Spettacolo Italiano”.
“Presta” la sua voce ad attori famosi (Peter Sellers, Jerry Lewis, Marty Feldman, Charlie Chaplin, Croucho Marx) e, doppiandolo, aumenta il successo in Italia, di…  Woody Allen (l’ha dichiarato Allen stesso, apprendendone la scomparsa)!
Partecipa a film, comprimario di lusso in Tv con Lauretta Masiero, con Gino Cervi e con Renato Rascel.
Negli anni 70 “nasce” il Bagaglino. Il suo umorismo surreale, le sue allusioni velate e non, i doppi sensi,  lo fanno riconoscere come “unico”, irripetibile.
Anni di spettacolo esilarante e di successi che si ripetono ad ogni edizione.
“Vive “, infine,  la sua malattia in silenzio e sopporta con rassegnazione e dignità le sofferenze.
La notte del 18 febbraio ci lascia con un ultimo sorriso.
Ciao, Oreste e… GRAZIE !