Donne, Non resistete agli Stupri!

0
168

Donne, Non resistete agli Stupri!

Ma almeno quello si becca forse l’ergastolo!

di Antonio Laganà (07.01.2009)

Abbiamo letto sulle cronache nazionali di questi ultimi giorni, una nuova perla che
 arricchisce la collezione di sentenze e decisioni incomprensibili – almeno al comune “sentire” – ( e non aggiungo altro) della Magistratura del nostro Paese, che lasciano di stucco il cittadino medio   italiano e… forse… non solo!
Nel processo svoltosi a Roma contro un Rumeno accusato di avere aggredito, stuprato ed ucciso una donna  che rientrava a casa dopo il lavoro, moglie di un alto ufficiale della Marina italiana, e che era costretta a servirsi di un trenino urbano ed a scendere ad una deserta e per niente custodita stazioncina, il giudice ha superato sé stesso, stabilendo la pena da infliggere all’accusato, in 29 anni di carcere invece dell’atteso ergastolo, in quanto…: “l’imputato era ubriaco, e la vittima ha resistito, opponendosi al tentativo di stupro”.
Letto quanto riportato su diversi organi di stampa, crediamo di averne capito e carpito esattamente il significato, ma ci domandiamo  con stupita perplessità… – ed è dire poco – come sia possibile, con una simile motivazione decidere una riduzione della pena, per un delitto così crudele!
Evidentemente tra le pieghe del nostro codice penale si fanno emergere dei cavilli che, anche se comprensibili dottrinalmente, sono contro ogni logica e buonsenso recepiti ed espressi  dall’opinione pubblica – crediamo – di ogni paese civile.
E ci stupisce che, contrariamente a quanto auspicato dalla Società civile in generale, indipendentemente dall’appartenenza politica,  ancora qualcuno si possa opporre alla riforma del sistema giudiziario, ma soprattutto! all’aggiornamento  di un codice che consente simili incomprensibili decisioni.
E ciò, con tutto il  rispetto verso la Magistratura, in generale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here