“Le presendo Andonia…”

0
148

“Le presendo Andonia…”

a cura del Direttore (12.07.2008) 

Lei… era ancora ragazza in fiore, appena una diciottenne o giù di lì, ma già si faceva vedere in giro alle feste dei vari locali esclusivi come “Gilda”, quale esponente della gioventù dorata della Roma del tempo. e lui… all’apice del successo: uno dei grandi nomi de “la Casta”!
E fu così, presendandola a… “destra” e poi presendandola a… “sinistra” e anche al… “centro”… eccome!… che papà Ciriaco (De Mita… capito? Che non ve lo ricordate?… Quello che “l’Avvocato”, sì l’Avvocato… l’Avvocato… per anto e poi… nomasia, chiamava “il filosofo della Magna Grecia” per il suo profondo discettare, sì, il grosso uomo politico della DC che al posto delle “t” metteva tutte “d”), e fu così, dicevamo, che papà Ciriaco introdusse nel bel mondo romano, quello che “conda”… la figlia Antonia.
“I Figlie so’ piezze ‘e core!”, diceva il “grande Eduardo”.
Eccome, se è vero!.
Cosa non si farebbe, per i figli.
E… fu ancora così che “da cosa nasce cosa” -come dice il buon Costanzo- oppure “chissà come chi sa” -come diceva la veramente buon’anima di Renato Rascel- che Andonia si ritrovò -spirito senz’altro intraprendente o arrivista, fate un po’ voi – prima “p.r.” – che significa esperto in pubbliche relazioni, cioè … esperto in “niente”… e in quanto tale, non c’era appuntamento della movida romana a cui Andonia non partecipasse…- e poi si ritrovò giornalista Rai (e te pareva e “che t’ho dico a fa’!) nel contenitore Rai1 del mattino, la trasmissione “Uno Mattina”, chiamata quale esperta di…
“Cinema” (sic)… e poi si ritrovò… ci sfuggono le ultime vette scalate dalla Andonia, (ma la verità è che, un momento, scusate, ma dobbiamo riprender fiato, perché erano tante le cose da dire che… non c’abbiamo messo manco un ., sì, avete letto e capito bene, un .(punto) come punto… ma… un fatto è certo, che…
Sentite… sentite!…
Intervistata da una collega, in occasione dell’uscita dalla scena politica dell’ormai ottantenne papà Ciriaco (ma che, forzatamente, ha dovuto lasciare la scena ed assolutamente non spontaneamente, anzi in rotta con Veltroni che non lo ha voluto in lista PD causa l’età ed un certo “turn-over”), alla domanda, “Ha deciso di scendere in politica?” la nostra Antonia De Mita ha candidamente e testualmente risposto:
“E’ un bellissimo mestiere, non le pare?”.
«No, Signora! Non ci sembra.»
Ma soprattutto non ci sembra che sia o che debba essere, la politica, un “mestiere”!
E questa è la chiave del tutto, per cui la politica serve male, o peggio, non serve assolutamente e per niente, il nostro Paese! E questa è la mentalità perversa che lascia pensare che sia un mestiere ed anche… un bel mestiere, la politica o meglio il “mandato” politico che dovrebb’essere anzi E’! -ahinoi solamente ormai in teoria – solo e soltanto una “delega” ed in quanto delega, quindi, provvisoria e a tempo, per amministrare la “res publica”!
«Signora, ci permetta, Ella sarà graziosa, simpatica, intelligente e pure in gamba… ma questa volta, ha toppato, se lo lasci dire!
E il nostro timore, sinceramente osiamo confessarLe, Signora, è quello che, uscito di scena il Suo Papà, entri Lei, in scena, Signora!
E con questa mentalità!…»
… Che Dio ci scansi e liberi da un…
“De Mita 2: il ritorno!”…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here