Bedzed

0
168
Case a Bedzed

Bedzed

La città del Futuro

da Londra, Vic Abbot (05.05.2008)

Bedzed è una città.
Si chiama Beddington, ma la chiamano Bedzed: Bed, come Beddington; “z”, come zero; “e”, come energy; “d”, come development, sviluppo.
Ed ecco uscita Bed – z – e – d: un piccolo villaggio vicino a Londra.
Una aggregazione urbana di 200 persone, ma una vera città in miniatura. E case -circa 80- e uffici, palestra, asilo nido, automobili che circolano e quant’altro si possa immaginare, tutto alimentato da energia derivante da fonti alternative e rinnovabili.
A Bedzed, non si conoscono combustibili fossili, non esistono emissioni di anidride carbonica. Le automobili di questa gente fortunata vanno a energia solare. A loro disposizione c’è, per gli spostamenti all’interno del villaggio, un’automobile elettrica.
Ogni caseggiato ricicla i propri rifiuti solidi ed organici; asilo nido e palestra sono alimentati ad energia solare; i materiali da costruzione usati per la nascita di Bedzed sono stati riciclati, acciaio compreso e provengono dai territori circostanti; ciò ha favorito lo sviluppo economico della zona, con conseguente aumento dei posti di lavoro.
A Bedzed viene applicata la generazione combinata di energia e calore ed i pannelli fotovoltaici per l’energia solare. Lì, niente si spreca, niente si getta: si effettua la raccolta sistematica dell’acqua piovana e si riciclano le acque nere.
Il costo dell’energia a Bedzed è enormemente basso; il costo delle case è competitivo ed il 60% di esse è destinato, da una fondazione locale, alle persone a basso reddito.
Tutto ciò si deve ad una “idea-iniziativa” del “Bioregional Develpment Group” e sviluppato dalla Fondazione Peabody, il cui precipuo scopo è quello di fornire, anche a persone meno abbienti, case ineccepibilmente funzionali.
Quest’oasi felice è soltanto un esperimento e in “sedicesimo”; ma è un ottimo avvio: l’inizio, cioè, di una qualche cosa che è augurabile possa sperimentarsi sempre di più e su vasta scala e copiata ed ampliata, per un futuro che sia un futuro intelligente, per il vivere quotidiano dell’uomo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here